Una rocca di avvistamento sulla storia

Categoria: Senza categoria Pagina 1 di 5

Il potere dei musei. Evento di associatura del Museo Multimediale “Torre di Satriano in Tito” a ICOM Italia

Si terrà presso il Museo Multimediale della torre normanna di Torre di Satriano in Tito il convegno “Il potere dei musei. Evento di associatura del Museo Multimediale “Torre di Satriano in Tito” a ICOM Italia”, organizzato dal Coordinamento Regionale Basilicata-Calabria di ICOM, il Comune di Tito e il Comune di Satriano in collaborazione con la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera-DiCEM (Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo, Università degli Studi della Basilicata) grazie alla quale sarà possibile offrire una visita guidata agli scavi dell’insediamento fortificato medievale di Satrianum (scavo in concessione SABAP Basilicata MiC). L’evento, partendo dall’affiliazione del Museo Multimediale presente nella Torre normanna alla rete ICOM Italia, intende presentare le diverse progettualità di ricerca presenti sul sito, in linea con le iniziative dedicate al tema de “Il potere dei musei”, oggetto dell’IMD2022 (International Museum Day) e della Conferenza Generale di Praga 2022 di ICOM. Accessibilità, inclusione, comunità, partecipazione, tecnologie digitali saranno oggetto dell’incontro; dopo i saluti istituzionali di Adele Maresca Compagna, Presidente di ICOM Italia, Graziano Scavone, Sindaco di Tito, Umberto Vita, Sindaco di Satriano, Annamaria Mauro, Direttrice Regionale Musei Basilicata e Direttrice Museo Nazionale di Matera, Sabrina Mutino, responsabile area patrimonio archeologico della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata, e Antonio Nicoletti, Direttore APT Basilicata seguiranno gli interventi di Luigi Zotta, Coordinatore ICOM Basilicata – Calabria, che illustrerà le progettualità del coordinamento ICOM Basilicata – Calabria; Aldo Corcella, Direttore Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo, Università degli Studi della Basilicata; Francesca Sogliani, Direttrice della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera-DiCEM Unibas, e responsabile scientifica dello scavo, che presenterà gli esiti della X campagna di scavo; Fabio Laurino, Assessore alla cultura del Comune di Tito, che presenterà le progettualità legate all’avviso pubblico “Fondo Cultura” del Ministero della Cultura, di cui il comune di Tito è risultato essere destinatario. Raffaele Vitulli, Presidente del Cluster Basilicata Creativa, che illustrerà le azioni del progetto Heritage Smart Lab destinate al sito; chiuderà gli interventi Marika Coronato dell’Associazione culturale Memorìa, ente gestore del museo. A moderare la serata sarà Fiorella Fiore, Consigliere coordinamento ICOM Basilicata – Calabria, PhD student – DiCEM Unibas.

Dalle 18.00 partirà la visita guidata all’insediamento fortificato medievale di Satrianum; seguirà poi il convegno.

Per informazioni: basilicata@icom-italia.org

SATRIANUM PROJECT, X CAMPAGNA DI SCAVO ARCHEOLOGICO

Torre di Satriano, Tito, Potenza

Lunedì 11 luglio- 5 agosto

Comunicato Stampa

Lunedì 11 luglio 2022 riprendono gli scavi archeologici presso l’insediamento fortificato medievale di Satrianum, in località Torre di Satriano in Tito, Potenza. La campagna di ricerche, grazie al contributo del Comune di Tito, che si ringrazia per la disponibilità e per il continuo supporto al progetto quale motore per la valorizzazione culturale del territorio, proseguirà per 4 settimane, fino al 5 agosto e vedrà la collaborazione di studenti e studiosi dell’Università degli Studi della Basilicata affiancati, da quest’anno da un’equipe francese dell’Università di Rennes II, coordinata dal prof. Dominique Allios, professore di Archeologia Medievale nell’Ateneo francese.

La Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera, con la direzione scientifica della prof.ssa Francesca Sogliani, titolare della cattedra di Archeologia tardoantica e medievale dell’Università degli Studi della Basilicata – Dipartimento delle Culture europee e del Mediterraneo, coordina le ricerche archeologiche sul sito medievale dell’antica Satrianum dal 2013 (su concessione SABAP Basilicata), con l’obiettivo di ricostruire la topografia e la storia dell’insediamento fortificato, uno dei più significativi della Basilicata.

Perché Satrianum non è soltanto la Torre che si scorge da lontano, sull’altura si conservano i resti di una vera e propria città, così ci ricordano le fonti ancora nella metà del XV secolo, quando l’insediamento a causa di conflitti e terremoti fu definitivamente abbandonato. A differenza di molti centri lucani tuttora abitati, Satrianum offre l’opportunità di rileggere da un punto di vista archeologico, alcuni importanti episodi della storia non soltanto locale, ma del Mezzogiorno d’Italia, preservati e sigillati da uno spesso strato di macerie.

Dall’arrivo dei Normanni nella fine dell’XI secolo, che trasformarono Satrianum in sede di diocesi con la costruzione di un’importante e monumentale cattedrale dedicata a S. Stefano, ancora oggi conservata, la storia del sito arriva fino alle guerre civili che tormentarono il Regno di Napoli sul finire del XIV secolo tra Giovanna II d’Angiò Durazzo e i pretendenti al trono di altre dinastie francesi e spagnole. Un tempo di cavalieri di ventura, di truppe mercenarie pronte a cambiare casacca e a schierarsi in favore del migliore offerente. I territori subirono le sorti dei loro signori e Satrianum è uno degli esempi archeologici più importanti.

<<Negli ultimi anni – ci racconta la prof.ssa Sogliani- siamo impegnati a restituire alla comunità i dati relativi ad un vasto incendio, che dovette interessare tutto l’insediamento, per la sua presenza lungo il versante meridionale ed occidentale e sul pianoro sommitale. Le travi di legno dei tetti, i chiodi che sorreggevano i solai, ma anche i chiavistelli delle porte, i piatti, i bicchieri e qualche oggetto personale sono ancora lì a raccontarci gli ultimi momenti di questo tragico avvenimento avvenuto tra la fine del XIV secolo e gli inizi del XV secolo. E se fossero i resti della distruzione raccontati nella leggenda di Giovanna II d’Angiò -Durazzo? Ma non voglio svelarvi tutti i particolari. È prevista, a chiusura di questa campagna di scavo, una manifestazione aperta a tutti, dove racconteremo con maggiori dettagli questa importante scoperta>>.

Per informazioni: info.ssba@unibas.it

Matera, 2 luglio 2022

PIANO APERTURE GIUGNO – SETTEMBRE 2022

𝐂𝐇𝐄 𝐈𝐋 𝐂𝐎𝐍𝐓𝐎 𝐀𝐋𝐋𝐀 𝐑𝐎𝐕𝐄𝐒𝐂𝐈𝐀 𝐀𝐁𝐁𝐈𝐀 𝐈𝐍𝐈𝐙𝐈𝐎 ⏱️

𝕄𝕒𝕟𝕔𝕒 𝕡𝕠𝕔𝕠: 𝕒 𝕡𝕒𝕣𝕥𝕚𝕣𝕖 𝕕𝕒 𝕤𝕒𝕓𝕒𝕥𝕠 𝟜 𝕘𝕚𝕦𝕘𝕟𝕠 𝕕𝕚𝕒𝕞𝕠 𝕦𝕗𝕗𝕚𝕔𝕚𝕒𝕝𝕞𝕖𝕟𝕥𝕖 𝕚𝕝 𝕧𝕚𝕒 𝕒𝕝𝕝𝕒 𝕤𝕥𝕒𝕘𝕚𝕠𝕟𝕖 𝕖𝕤𝕥𝕚𝕧𝕒

☀️ 𝐏𝐈𝐀𝐍𝐎 𝐀𝐏𝐄𝐑𝐓𝐔𝐑𝐄 𝐆𝐈𝐔𝐆𝐍𝐎 – 𝐒𝐄𝐓𝐓𝐄𝐌𝐁𝐑𝐄 𝟐𝟎𝟐𝟐 ☀️

Sarà possibile visitare Sito e Museo ogni sabato e domenica ESCLUSIVAMENTE SU PRENOTAZIONE, con un preavviso minimo di 24 ORE;

La prenotazione si può effettuare:
☎️ telefonicamente ai contatti dell’Associazione: 3294588795, 3402697957, 3899624261;
📧 tramite e-mail all’indirizzo associazionememoria@gmail.com;
📩 tramite messaggio alla Pagina Facebook dell’Associazione;

Le fasce orarie di visita sono le seguenti: 10.00-11.30 / 11.30-13.00 / 17.00-19.00.

AVVISO CHIUSURA AL PUBBLICO

Si avvisano i gentili visitatori che dal 30/08 al 06/09 il sito archeologico e il museo multimediale di Torre di Satriano in Tito saranno CHIUSI AL PUBBLICO.
Sarà possibile effettuare visite su prenotazione, secondo le modalità indicate, a partire dal 07/09.

Dal 6 agosto, Green Pass per l’accesso ai luoghi della Cultura

🟢AVVISO IMPORTANTE🟢
Si comunica che a partire dal 6 agosto, in ottemperanza alle disposizioni governative, i visitatori dovranno esibire la Certificazione Verde COVID-19 per accedere ai musei e agli altri istituti e luoghi della Cultura.

Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica.

Il #GreenPass attesta una delle seguenti condizioni✋🟩:
-aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (in Italia viene emessa sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale);
-essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore;
-essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi.

Per tutti i dettagli su come ottenere il Green Pass consultare il sito👉https://www.dgc.gov.it/web/

ℹ️Rimangono in vigore tutte le altre misure previste per il contenimento del contagio da COVID-19: ingresso contingentato, distanziamento interpersonale di 1 m, rilevazione temperatura all’ingresso, obbligo mascherina al chiuso e all’aperto in caso di assembramenti, igienizzazione mani all’ingresso.

𝐏𝐈𝐀𝐍𝐎 𝐀𝐏𝐄𝐑𝐓𝐔𝐑𝐄 𝐆𝐈𝐔𝐆𝐍𝐎 – 𝐒𝐄𝐓𝐓𝐄𝐌𝐁𝐑𝐄 𝟐𝟎𝟐𝟏

⏰𝐒𝐀𝐕𝐄𝐓𝐇𝐄𝐃𝐀𝐓𝐄⏰

𝔸 ℙ𝔸ℝ𝕋𝕀ℝ𝔼 𝔻𝔸 𝔻𝕆𝕄𝔼ℕ𝕀ℂ𝔸 𝟞 𝔾𝕀𝕌𝔾ℕ𝕆 𝕃𝔸 𝕋𝕆ℝℝ𝔼 𝔻𝕀 𝕊𝔸𝕋ℝ𝕀𝔸ℕ𝕆 ℝ𝕀𝔸ℙℝ𝔼 𝕀 𝔹𝔸𝕋𝕋𝔼ℕ𝕋𝕀

☀️𝐏𝐈𝐀𝐍𝐎 𝐀𝐏𝐄𝐑𝐓𝐔𝐑𝐄 𝐆𝐈𝐔𝐆𝐍𝐎 – 𝐒𝐄𝐓𝐓𝐄𝐌𝐁𝐑𝐄 𝟐𝟎𝟐𝟏☀️

– Sarà possibile visitare Sito e Museo ogni giorno ESCLUSIVAMENTE SU PRENOTAZIONE, con un preavviso minimo di 24 ORE;

– La prenotazione si può effettuare:

  • telefonicamente ai contatti dell’Associazione: 3294588795, 3402697957, 3899624261;
  • tramite e-mail all’indirizzo associazionememoria@gmail.com;
  • tramite messaggio alla Pagina Facebook dell’Associazione;

– Le fasce orarie di visita sono le seguenti: 10.00-11.30 / 11.30-13.00 / 17.00-19.00;

– Il NUMERO MASSIMO previsto per ogni fascia è di 10 VISITATORI;

– I costi previsti per il servizio di visita sono INVARIATI;

– Le visite saranno effettuate seguendo le disposizioni vigenti in materia di Covid-19.

Vi anticipiamo che abbiamo voglia di tornare a camminare insieme sulle orme dei nostri avi, di scrutarne i segreti e di condividere con voi le vibrazioni che questo luogo magico emana. Amici, vi aspettiamo! ❣️

Giornata Nazionale del Paesaggio 2021

In occasione della Giornata Nazionale del Paesaggio la Direzione Regionale Musei Basilicata e il Museo Archeologico Nazionale di Potenza rendono omaggio ad uno dei siti più importanti del comprensorio potentino, i cui reperti sono esposti presso lo stesso Museo.
Si tratta dell’insediamento di Torre di Satriano, dove sono stati rinvenuti i resti di una grande capanna a pianta absidata, identificabile quale residenza di un personaggio di rango elevato, databile al VI sec. a.C.
Sulla base dei dati archeobotanici è stato possibile ricostruire un paesaggio intensamente sfruttato, caratterizzato da abetine e bosco misto.
La specie più attestata è l’abete bianco, con la quercia a foglie decidue, il pioppo e il salice. Documentato è anche il castagno. Ai boschi si alternavano i campi aperti per l’agricoltura e il pascolo.
Dalle analisi condotte ricostruiamo per l’età arcaica un tipo di agricoltura fondata sulla coltivazione di farro e di orzo, nonché di leguminose (fave, lenticchie, piselli) che dovevano rivestire un ruolo di primo piano nella dieta degli abitanti del sito.

Questo il paesaggio, colto dall’occhio attento di Nicola Figliuolo.

Al seguente link è possibile vedere la modellazione 3d della torre realizzata da Valentino Vitale che ringraziamo per la gentile concessione:
https://skfb.ly/6vQGz

Michele Laurenzana per MEGazine

Al termine di un anno così particolare, di un periodo di fermo in cui siamo stati costretti a tirare i remi in barca, a sospendere alcuni progetti (nonostante abbiamo avuto l’immensa fortuna di incontrare nuovamente l’abbraccio caloroso dei visitatori nei mesi estivi), il nostro Presidente, Michele Laurenzana, ci riporta agli albori del nostro percorso, alla prepotente voglia di raccontare l’amore per il nostro patrimonio.

https://megazine.megmarket.it/mobile/leggi-notizia/argomenti/incontri-racconti/articolo/michele-laurenzana-partiamo-dalla-torre-di-satriano-e-scopriamo-la-basilicata.html?fbclid=IwAR2-lQSv_KOHU855LvFcS42VcUMApZbZPgzYUnJ9Zvyl3PfB5zKtBUhF7A0

Fiduciosi di potervi accogliere al più presto!
Buone feste a voi tutti!

Per chi ancora sia alle prese con gli ultimi regali, consigliamo “Basilicata. Le 100 meraviglie (+1)”, a cura di Nicola Taddonio.
Ci troverete anche lì

COVID-19 CHIUSURA DEL SITO ARCHEOLOGICO E MUSEO MULTIMEDIALE DI TORRE DI SATRIANO IN TITO

Ci duole comunicare che, in ottemperanza alle nuove misure di contrasto e contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 previste dal Dpcm 3 novembre 2020 (art. 1, co. 9, lett. r), sono sospesi fino al 3 dicembre 2020 i servizi di apertura al pubblico e visita guidata presso il sito archeologico e museo multimediale di Torre di Satriano in Tito.

💥L’ATTESA è FINITA…FINALMENTE CI SIAMO💥

A partire da domenica 9 agosto il sito archeologico e Museo Multimediale saranno di nuovo visitabili, il tutto nel pieno rispetto delle disposizioni anti-Covid!
Graziano ScavoneSimona Di GregorioFrancesca Sogliani Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici MateraProgetto Satrianum.
Qui di seguito un piccolo vademecum per poter organizzare la propria visita in tranquillità:

PIANO APERTURE AGOSTO – SETTEMBRE 2020:

– Sarà possibile visitare Sito e Museo ogni giorno ESCLUSIVAMENTE SU PRENOTAZIONE, con un preavviso minimo di 24 ORE;

– La prenotazione si può effettuare:
1) telefonicamente ai contatti dell’Associazione: 3294588795, 3402697957, 3899624261;
2) tramite e-mail all’indirizzo associazionememoria@gmail.com;
3) tramite messaggio alla Pagina Facebook dell’Associazione;

– Le fasce orarie di visita restano le seguenti: 10.00 -11.30 /11.30 -13.00 / 17.00 – 19.00;

– Il NUMERO MASSIMO previsto per ogni fascia è di 10 VISITATORI;

– I costi previsti per il servizio di visita sono INVARIATI (http://www.torresatriano.it/visite-guidate/contatti/);

– Le visite saranno effettuate seguendo le disposizioni vigenti in materia di Covid-19 (sottoscrizione autodichiarazione all’ingresso; mascherina obbligatoria negli spazi chiusi; mantenimento della distanza interpersonale di 1 metro; disponibilità di gel igienizzante in biglietteria, nel WC chimico e nella Torre; igienizzazione di sedute, dispositivi multimediali e superfici di uso comune alla fine di ogni turno di visita).

Solo due piccole righe di chiusura per dirvi che ci siete mancati parecchio ❤️, che non vediamo l’ora di riavervi qui sul sito, e per ringraziare il Comune di Tito (Fabio Laurino, Dora Figliulo, Pierpaolo Spera) per aver proceduto -seppur tra maltempo e difficoltà- al taglio dell’erba, senza il quale non sarebbe stato possibile riaprire in sicurezza. A tal proposito, un ringraziamento speciale va all’infaticabile, eccezionale Luigi Pagano, per la sua maestria, il suo senso del dovere e l’amore sincero per il suo paese.

Pagina 1 di 5

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén